Sestri: il Comprensivo “Papa Giovanni XXIII” premiato a Milano

Da Relazioni Media riceviamo e pubblichiamo

Una scuola di Sestri Levante è risultata vincitrice ieri al Politecnico di Milano a Policultura, il concorso di storytelling digitale collaborativo a scuola più ampio al mondo.
Per la categoria Scuola Primaria ha vinto l’Istituto  Comprensivo di Sestri Levante – Plesso “Papa Giovanni XXIII” di Sestri Levante con la narrazione Pane e olio a Sestri Levante.
Questa la motivazione: Manipolare, odorare, gustare, osservare, ascoltare, cantare, produrre: ecco la sintesi della narrazione “Pane e Olio a Sestri Levante”. Il percorso formativo, mettendo in luce le peculiarità del territorio, coniuga felicemente le tecnologie con modalità didattiche attive, in modo organico e originale.

Coerente e ben strutturata l’interazione delle varie proposte didattiche, che hanno contribuito al pieno coinvolgimento dei bambini e veicolato contenuti in modo efficace. Le visite guidate e l’intervento degli esperti hanno ampliato ulteriormente le opportunità di espressione e il ruolo centrale degli alunni. La creazione dei testi delle canzoni, ben montati nei video con didascalie in stile karaoke, sono decisamente accattivanti e simpatici.
LINK alla narrazione digitale: http://www.1001storia.polimi.it/concorso/policultura2018/p_3756/

Più di 250 studenti e docenti delle 22 scuole finaliste provenienti da tutta Italia hanno affollato ieri le aule del Politecnico di Milano per la premiazione del Progetto Policultura, il concorso attivo dal 2006 ha coinvolto fino ad oggi 37.000 studenti, 3.000 docenti e 18 paesi europei ed extra europei, dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria superiore.

Grazie a Policultura studenti e docenti delle scuole di tutta Italia creano narrazioni interattive con audio, video, immagini e testo grazie a uno “strumento-autore” (1001storia) sviluppato dal laboratorio HOC-LAB del Politecnico di Milano e reso disponibile alle scuole.

Dal 2006 sono state prodotte più di 1788 storie multimediali, per un totale di 580 ore di narrazioni.

All’edizione 2018 hanno partecipato 2600 studenti e 210 insegnanti che hanno realizzato un totale di 105 narrazioni.

Tanti i temi affrontati nelle narrazioni digitali, dall’ambiente alla cultura e alla filosofia, dalla lotta alla mafia alle STEM, dal cyber bullismo alla disabilità.

Un bell’esempio di università che collabora con il mondo della scuola per trasmettere competenze tecnologiche e trasversali.

 

Per saperne di più: www.policultura.it

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: