Pallanuoto M/ Chiavari Nuoto – Camogli 5-4

Dall’ufficio stampa del Chiavari Nuoto riceviamo e pubblichiamo. Di Guido Martinelli 

Chiavari Nuoto- R.N. Spazio Camogli 1914 5-4 (2-1, 0-1, 2-1, 1-1 )

Chiavari Nuoto: Cavo, Bussone, Pineider, Prian 1, Oliva, Barrile 2, Tabbiani 1, Pagliuchi, Raineri 1, Croce, Cambiaso, Ottazzi, Grassi-Lucetti. All. Burlando

R.N. Camogli: Gardella, Beggiato 1, Iaci, Antonucci, Mantero, Spigno 1, Guenna 1, Solari, Cocchiere, Molinalli, Celli, Bisso 1, Barattini. All. Magalotti

Arbitri: D. Bianco (Rapallo), Rotondano (Salerno)

Superiorità numeriche: Chiavari n.: 2/11, Camogli 1/10

Espulsioni definitive: q.q. Ottazzi (Ch) per proteste, Iaci Ca) per raggiunto limite di falli

Spettatori: 250

La Chiavari nuoto è l’ultima in ordine temporale a scendere in vasca fra la squadre impegnate nella salvezza. Arenzano 8 sopra di un punto prima della gara, Sori e Como hanno già giocato ed hanno perso tutte.

Il Camogli si presenta privo di Gatti, l’unico che ha pagato disciplinarmente il dopopartita agitato, ma niente più, dei bianconeri con il Quinto.

E’ Mattia Barrile, nel bene e nel male, l’elemento più in vista del fine gara, intenso e concitato, di una partita tesissima; ma è tutta la squadra della Chiavari Nuoto a mostrare una coesione e una capacità inconosciuta in fase difensiva che ne fanno apparire una compagine in decisa crescita.

Incominciamo dalla fine.

Sul 4-4 a due minuti dal termine, l’attaccante verde blu spreca la palla della vittoria dopo una lunga (e faticosa) controfuga uno-conto-zero conclusa con un tiro a botta sicura ma, che viene neutralizzato da un eccellente Gardella di testa.

Ce ne sarebbe per sprofondare per la rabbia. Invece A 20″ dalla sirena la stessa calottina n° 6 trasforma positivamente la seconda superiorità della partita (addirittura doppia), decretata da Rotondano con l’allontanamento, prima di Antonucci, poi con quello ,contestato dai bianconeri, di Beggiato: tiro incrociato su Gardella e rete della quarta vittoria stagionale, terza del girone di ritorno, seconda consecutiva.

Il Camogli cerca di sfruttare alla morte gli ultimi 16 “, ma il tiro finale è fuori.

Torniamo all’inizio.

La Chiavari Nuoto vince la gara, impostando bene la fase difensiva, con gran lavoro di copertura dello stesso centroboa, Cambiaso, presente quasi sempre nella propria metà vasca.

Solo un gol per tempo concesso agli avversari, per il gran sacrificio dei verde- blu, ben due inferiorità numeriche doppie (prima Tabbiani e Ottazzi nel pozzetto quasi contemporaneamente, poi Prian e Oliva ) sono state sventate.

E’ sempre in vantaggio la squadra di Gigi Burlando. Passa con un fendente di Prian su ‘alzo e tiro’ nella prima frazione, 1-0.

Pareggia Spigno per il Camogli con tiro dai 5 metri, 1-1; poi Raineri segna nel terzo e più potente dei suoi tre tentativi della prima frazione, 2-1 e si va al primo riposo.

La Chiavari Nuoto, seguita dalla visibile passione dei suoi tifosi (ma anche la parte inossidabile dei tifoso bianconeri, chiassosi e folkloristici è presente) cerca il breack, ma lo fallisce con 4 superiorità di fila sprecate.

Segna così il Camogli con Guenna che sulla sirena della seconda frazione coglie il pareggio con un tiro che carambola fra palo e Cavo, questa volta superato dopo almeno tre interventi strepitosi per reattività, in cui nega il pareggio al Camogli. Parziale di 0-1- e totale all’intervallo lungo di 2-2.

Nella parte nevralgica della gara Barrile e Tabbiani concretizzano il doppio vantaggio a lungo cercato, con due tiri dalla ditanza di bella potenza: 4-2, che diventa il 4-3 ,con cui si chiude il terzo quarto, grazie alla rete camoglina del giovane Bisso.

Nell’ultimo quarto il Camogli realizza un breack di 2-0 a proprio favore, annullando quello precedente della Chiavari N. Segna Beggiato con una saetta a filo d’acqua e siamo sul 4-4.

Sembra tutto in salita per la Chiavari Nuoto, perchè Ottazzi viene allontanato definitivamente con sostituzione da Rotondano per proteste.

Invece poco dopo subisce la stessa sorte Iaci , del Camogli, per somma di ammonizioni (ma nell’occasione spunta anche un rosso diretto da parte del direttore salernitano).

Le perdite si compensano e in questo scenario si arriva ai due fatidici minuti sopra descritti.

Per quello che sta mostrando ora, la Chiavari Nuoto c’entra poco con la lotta per non retrocedere.

Le dichiarazioni del dopo partita:

Claudio Zadra Vice Presidente Chiavari Nuoto: “Dobbiamo tenere i piedi per terra, anche se non possiamo nasconderci che si tratti di una squadra diversa rispetto a un po’ di tempo fa. C’è un cambiamento, sicuro, in meglio. Ora ci aspetta l’ultima partita del campionato. Cercheremo di giocarcela fino all’ultimo secondo”.

Nicola Chiari d. s. Chiavari Nuoto: “E’ stata una partita emozionante e sono particolarmente felice perché i ragazzi hanno ottenuto la vittoria, strappandola con le unghie. Parimenti devo rivolgere i miei complimenti al Camogli perché è una squadra che interpreta il campionato sempre in maniera gagliarda ed entra in vasca con chiunque senza fare sconti. Questo spirito che definirei ‘camoglino’ mi affascina molto e mi piacerebbe che questo fosse il piglio con cui la nostra squadra scenderà a Genova sabato prossimo ad affrontare la Crocera”.