‘Santa’: Volpi e Fiorani indagati anche a Genova

Il “licenziamento” di Angiolino Barreca e il ritorno di Giampiero Fiorani sembra avere portato sfortuna a Gabriele Volpi. Dopo Como, le carte di un’inchiesta per riciclaggio internazionale sono arrivate alla Procura di Genova. Questo sia chiaro non vuol dire che i due siano colpevoli; non siamo neppure alla richiesta di rinvio a giudizio e comunque ci sono tre tappe processuali prima di dichiarare una persona colpevole.

A pesare sugli affari di Volpi, oggi (a Recco, a Santa Margherita Ligure, forse a Chiavari) sono i precedenti e le ombre. Ha sempre stupito che Volpi, persona intelligente, non abbia previsto che il ritorno di Fiorani avrebbe fatto raddrizzare le antenne. E stupisce che personaggi politici come il presidente Giovanni Toti, intrattengano rapporti con persone che hanno comunque avuto condanne.

Negli ultimi giorni Volpi ha registrato difficoltà per l’acquisto di Porto Marghera e nulla ha fatto, come annunciato, per acquistare, salvandola, la tenuta di Marinella. Ora Santa Margherita (che ha nominato una commissione ad hoc), Recco (che non si è mai posta il problema) e Chiavari (dove Volpi avrebbe un progetto per la “colmata”), devono decidere se proseguire la trattativa con le società il cui dominus è Volpi, o interromperla come prescrive la normativa. (m.m.)

 

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: