Chiavari, Rapallo, Sestri: grande raccolta viveri

Da Matteo Pansini riceviamo e pubblichiamo

La Grande Raccolta Viveri, patrocinata dai Comuni di Chiavari, Sestri Levante, Rapallo e dalla Diocesi di Chiavari, e organizzata da Operazione Mato Grosso (O.M.G.), con la collaborazione dei ragazzi di tutto il Tigullio, contattati tramite Scuole, Parrocchie e varie Associazioni, è ormai entrata nel vivo.

Nello scorso weekend una quarantina di volontari hanno effettuato il volantinaggio, casa per casa, a Chiavari, Rapallo, Lavagna e Sestri Levante, le quattro località dove, dal 28 aprile al 1° maggio, si svolgerà la Raccolta, che per la prima volta coinvolgerà tutto il nostro territorio. Circa 15.000 i volantini che sono stati appesi in case e condomini, si stima quindi che saranno circa 40.000 le famiglie cui verrà chiesto un contributo e circa 100.000 le persone totali coinvolte in questa grande iniziativa di solidarietà.

Nelle scorse settimane i volontari di O.M.G. hanno girato le parrocchie, le scuole e le associazioni di tutto il Tigullio per invitare studenti e universitari a partecipare attivamente alla raccolta e chiedendo loro la disponibilità magari di una mattina, di un pomeriggio o di un’intera giornata, da dedicare ai poveri. La risposta è stata importante e, al di là del grande obiettivo di riempire di alimenti il container da 250 quintali che sarà posizionato in piazza N.S. dell’Orto a Chiavari, proprio di fronte alla Cattedrale, la finalità di questa iniziativa è anche quella di coinvolgere giovani e giovanissimi dando loro l’opportunità di “sporcarsi le mani” in qualcosa di concreto e bello.

Giorno per giorno, città per città, casa per casa, circa 200 ragazzi, compresi anche quelli che verranno dai gruppi O.M.G. di altre regioni, si divideranno in squadre da 4/5 persone e suoneranno a tutti i campanelli chiedendo un contributo di pasta, riso, tonno e scatolame vario, zucchero, olio di semi, o quello che si potrà dare, per i poveri delle missioni che Operazione Mato Grosso cura in Sud America, e in particolare in Perù. Parte dei viveri raccolti, soprattutto quelli con scadenza più breve, verranno invece distribuiti ad organizzazioni di carità locali che li faranno avere alle famiglie bisognose del territorio.

“In Perù vivono più di 400 volontari che dedicano la loro vita al servizio dei poveri” dichiara Carlotta Altavilla, missionaria di Casarza Ligure che negli ultimi due anni ha lavorato nell’ospedale della missione di Chacas, voluto da Padre Ugo De Censi, fondatore dell’Operazione Mato Grosso; “nelle nostre missioni si servono circa 4.500 pasti al giorno, mentre tutte le domeniche si da’ da mangiare a circa 20.000 ragazzi che frequentano l’oratorio. I viveri sono importanti per questo e soprattutto per tutte quelle famiglie numerose o per gli anziani che fanno fatica a procurarsi qualcosa da mangiare”.

Si comincia il 28 aprile con la Raccolta nelle case di Chiavari, si prosegue domenica 29 aprile con Rapallo (comprese le frazioni di Santa Maria del Campo e di San Pietro), per terminare lunedì 30 aprile e martedì 1° maggio con Lavagna e Sestri Levante.