Rapallo: martedì la consegna del Piano urbanistico (1)

Martedì a mezzogiorno Federico Marenco, commissario straordinario ad acta, consegnerà, sigillato, il Piano urbanistico comunale al sindaco Carlo Bagnasco. L’ultimo strumento operativo è del 1986; l’incompatibilità dichiarata di due consigli comunali e i commissariamenti avevano tardato la redazione del piano poi affidata a Marenco.

Stamattina il commissario ha fatto una visita di cortesia in Comune per comunicare al sindaco la data di consegna del Puc.  Dopo la pubblicazione i cittadini avranno sessanta giorni per presentare osservazioni che poi lo stesso commissario, con la collaborazione degli uffici, in particolare del dirigente Giorgio Ottonello, giudicherà se accettare o meno. Il Puc, verrà anche valutato dagli Enti sovracomunali competenti.

Di che Puc si tratta? Marenco non ha voluto fare anticipazioni in quanto il documento è secretato fino al momento della consegna. Ma il territorio e la sua storia sono stati studiati con la massima attenzione. “Lo sapevate che Freud faceva i bagni a Rapallo?” Ha chiesto, spiazzando tutti.  E ha ricordato “Il gatto sotto la pioggia” scritto da Hemingway a Rapallo. Per far capire che il piano tende a valorizzare anche il passato della città.

Altri dettagli sul Puc? “Non è un piano pesante; non è manicheo; non è timoroso;valorizza l’esistente; si avvale di intuizioni creative, una delle quali dell’ingegner Ottonello sulla viabilità; intende promuovere il territorio, rigenerare il territorio; atto a conciliare i contenziosi”.

Ha aggiunto di avere ricevuto mail, telefonate, ma nessuna negativa; di avere ascoltato tutti. Ha specificato che la politica è sempre stata “sette passi indietro”, mai un’interferenza; ringrazia gli uffici per la collaborazione e auspica che il Puc avrà meno osservazioni del precedente documento.