Levanto: tre sbandieratori nella nazionale

 Riceviamo e pubblichiamo

Dopo aver brillantemente superato una dura selezione di due giorni svoltasi lo scorso week-end a Chianciano, tre giovani sbandieratori del gruppo storico “Borgo e Valle” di Levanto sono entrati a far parte della “Lega italiana sbandieratori” (“Lis”) e rappresenteranno la Nazionale nelle esibizioni che la squadra tiene periodicamente nel nostro Paese e all’estero.

A conquistare l’ambito riconoscimento, che consentirà loro di calcare prestigiosi palcoscenici ma anche di migliorare ulteriormente la qualità delle proprie performance grazie ad una formazione periodica con gli istruttori nazionali, sono stati Leonardo Colombo (17 anni), la sorella Laura (21 anni) e Filippo De Franchi (18 anni).

I tre fanno parte del gruppo storico “ Borgo e Valle” di Levanto, che già ad inizio degli anni ’90 aveva aperto una scuola per musici e nel 2000 vi ha affiancato quella degli sbandieratori, le cui esibizioni i concittadini seguono con particolare attenzione ed apprezzamento durante lo svolgimento della storica “Festa del mare”, che si celebra il 24 e 25 luglio in onore di San Giacomo Apostolo.

Oggi il gruppo ha 19 sbandieratori, 13 tamburini e 3 trombettisti.

“Siamo orgogliosi di quanto hanno fatto questi ragazzi perché è il frutto di un duro allenamento che svolgono con entusiasmo ogni sabato pomeriggio ed è il risultato della programmazione che abbiamo tracciato all’inizio dell’anno – racconta il loro istruttore, Alessandro Bertolotto, che è anche presidente del gruppo storico locale – Ma la soddisfazione è ancora maggiore perché durante ogni spettacolo rappresenteranno Levanto in maniera non solo simbolica, ma anche tangibile e visibile, poiché gli atleti della Nazionale si esibiscono indossando ognuno la divisa del gruppo locale cui appartengono”.

Saranno quindi il blu e il bianco delle bandiere levantesi a sventolare sul pennone della nazionale italiana insieme a quelle delle altre 17 compagnie che hanno fornito i componenti alla squadra.

Una squadra che annovera tra le sue file 60 sbandieratori ma anche 41 musici. Tra i levantesi avevano conquistato l’ammissione alle selezioni di Chianciano, in qualità di “tamburini”, anche i

diciannovenni Jury Currarino e Alessia Bono, che purtroppo non sono riusciti a superare lo scoglio finale, ma che comunque hanno dimostrato la validità della scuola levantese (guidata dall’istruttore Eliade Bono) entrando nel limitato lotto degli aspiranti ad una casacca azzurra.

E il risultato ottenuto dai giovani del “Borgo e valle” ha suscitato l’immediata ammirazione da parte dei levantesi. Anche l’amministrazione comunale, che supporta logisticamente ed economicamente il gruppo nell’allestimento del grande evento storico, folcloristico e religioso rappresentato dalla Festa del mare, ringrazia.

“Il Borgo e Valle è una splendida realtà che educa i giovani alla conoscenza, alla trasmissione tra generazioni e alla diffusione verso l’esterno della storia e della tradizione locali, impedendo che ciò che viene definito ‘patrimonio immateriale’ di una comunità, cioè l’insieme dei saperi e delle conoscenze che consentono agli uomini di concretizzare le grandi idee e i progetti più innovativi, possa essere disperso o dimenticato – dice il sindaco, Ilario Agata – Il risultato  raggiunto da questi ragazzi non ha quindi solo un valore sportivo o competitivo, ma rappresenta la giusta valorizzazione di un’attività socio-educativa complessa e articolata che il Borgo e Valle conduce da anni, di cui tutti i levantesi sono fieri e che la nostra comunità gli riconosce e guarda con favore e sincera ammirazione”.

 

Levanto, 13 marzo 2018

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: