Vaccini. Muzio: “Proseguire sulla strada del dialogo”

Dallo staff del consigliere regionale Claudio Muzio riceviamo e pubblichiamo

“Assumere tutte le iniziative ritenute opportune, nei confronti del Governo e del Parlamento, affinché possano essere superate le criticità della nuova Legge sulle vaccinazioni, in special modo nelle parti riguardanti la misure coercitive e le relative sanzioni. Proseguire, a livello regionale, sulla strada del dialogo con i cittadini e della semplificazione delle procedure intrapresa dall’assessore Sonia Viale con l’obiettivo di garantire a tutti i bambini e alle loro famiglie la possibilità di esercitare a pieno il diritto all’istruzione, così come previsto dalla Costituzione”. E’ quello che chiede alla Giunta Toti un Ordine del Giorno approvato oggi dal Consiglio Regionale.

Il documento è stato presentato da Claudio Muzio, consigliere di Forza Italia e segretario dell’Ufficio di Presidenza, ed è stato sottoscritto anche dal presidente del gruppo, Angelo Vaccarezza, dal presidente e dal vice-presidente di “Rete a Sinistra & Liberamente Liguria”, Gianni Pastorino e Francesco Battistini, e dal presidente del gruppo “Lega Nord Liguria”, Alessandro Piana.

“Mi sono fatto promotore di questo Ordine del Giorno – ha affermato Muzio illustrando il testo nell’aula di Via Fieschi – perché, ferma restando l’utilità delle vaccinazioni quale strumento di prevenzione di alcune patologie infettive, credo che la ‘Legge Lorenzin’ non abbia saputo concretizzare il giusto equilibrio tra la libertà delle scelte personali e la necessità di salvaguardia della sicurezza sanitaria del resto della popolazione”.

“Ritengo perciò che tali norme, tra cui quella che preclude la frequenza della scuola dell’infanzia ai bambini non vaccinati – ha proseguito il consigliere di Forza Italia – vadano ulteriormente modificate, dopo che un primo passo è stato fatto in Conferenza delle Regioni nella fase di conversione del Decreto in Legge. Da quella sede, anche grazie all’impegno dell’assessore Sonia Viale, è partita la proposta, poi recepita, di alleggerire le norme inerenti la parte sanzionatoria”.

“Vorrei inoltre sottolineare – ha detto ancora Muzio – che sono mancati da parte del Governo un vero ed approfondito confronto con i cittadini e con le famiglie, in una prospettiva di fiducia e di comunicazione aperta, ed un’adeguata campagna di informazione in grado di fornire ai genitori gli strumenti per una scelta consapevole. Ciò è tanto più grave in una materia come quella della sanità, dove dovrebbe essere centrale la condivisione tra i soggetti coinvolti, all’interno di un percorso di alleanza terapeutica”.

“Per tutti questi motivi – ha spiegato il consigliere Muzio – ho presentato l’Ordine del Giorno, su cui vi è stata una significativa convergenza da parte dei colleghi degli altri gruppi che lo hanno sottoscritto e poi votato. Ora la Giunta ha ampio mandato dal Consiglio per proseguire e rafforzare la linea fin qui adottata in tema di vaccinazioni”.

“Vorrei infine – ha concluso – dare lettura di alcune righe di una mail che su questo tema mi è giunta da parte di una mamma, e che a mio avviso bene riassumono le ragioni che stanno alla base della mia iniziativa: «Ci sono tanti, davvero tanti genitori come me che non sono affatto dei ‘fanatici rivoluzionari’ o dei ‘sovversivi’, ma sono solo mamme e papà che vogliono capire e sapere di fare la cosa migliore per i propri figli, in sicurezza, in serenità, che non vogliono fare le cose di corsa in quanto obbligati, senza sapere bene che cosa stanno facendo solo perché viene loro imposto»”.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: