Rapallo: ospedale, i soliti discorsi ripetuti da anni

Mauro Mele consigliere Pd ha detto onestamente che la giunta regionale di sinistra non ha fatto nulla per migliorare l’ospedale di Rapallo e teme possa accadere altrettanto con la giunta di centro destra. Sembra che Mele creda di poter ottenere miglioramenti se si parla tanto dell’ospedale e se tutti parlano dell’ospedale; tanto da invitare la maggioranza a parlarne. Il fatto è che dopo questo Consiglio comunale non è cambiato nulla e nulla avrebbe cambiato un maxi consiglio partecipato da Zoagli, Rapallo, Santa Margherita Ligure e Portofino.

Tutti d’accordo sul fatto che Rapallo, unico ospedale di ultima generazione, debba ampliare e migliorare i servizi ai cittadini. I presupposti non lasciano spazio all’ottimismo.

Sull’argomento sono interventi: Mauro Mele; Giorgio Costa; Mentore Campodonico; Federico Solari; Carlo Bagnasco; Mauro Mele; Franco Parodi; Armando Ezio Capurro (“Tra pochi giorni urologia verrà trasferita da Sestri Levante a Lavagna”); Giorgio Costa; Giorgio Tasso; Paola Tassara; Pier Luigi Brigati (“Tutte le richieste e osservazioni avanzate sono in attesa di risposta”).

Due gli ordini del giorno presentati: va al voto solo quello di Mele (Solari lo ritira).

Mele illustra il documento che replica quello dello scorso 16 gennaio. Parlano per dichiarazione di voto: Giorgio Tasso; Armando Ezio Capurro; Federico Solari; Giorgio Costa; Carlo Bagnasco; Franco Parodi; Paola Tassara; Walter Cardinali.  Il documento viene votato all’unanimità.

Permane la vecchia idea che la Regione dovrebbe dire sì alle richieste di Rapallo, non perché valide, ma perché dello stesso colore politico.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: