Chiavari: i primi 100 di Di Capua visti da Silvia Garibaldi (2)

Da Silvia Garibaldi, consigliere comunale in Chiavari riceviamo e pubblichiamo

Un bilancio dei primi 100 giorni? Direi una riedizione di “Una poltrona per due” e lo si vede molto in Consiglio Comunale ove il Segalerba potrebbe fare avere comunque l’ultima parola alla maggioranza perché il Sindaco ha questa possibilità ma, e questo mi fa pensare non lo ritenga all’altezza del ruolo, prende sempre la parola infrangendo il regolamento lui che dovrebbe farlo rispettare. E’ evidente che ha questa necessità altrimenti uno non si mette spero tanto per divertirsi anche perché la mancanza di rispetto è più verso il suo sindaco che verso di noi.

Parole tante, fatti pochini, direi ordinaria amministrazione e neanche fatta così bene da giustificare i toni trionfalistici che celebrano i due Sindaci.

Si parla di pulizie mirabolanti … ma in tanti punti ci sono stati solo i cartelli di annuncio e pare che non ci sia stato altro … quanto meno se il lavoro è stato fatto non è stato fatto così bene.

Hanno levato carcasse di biciclette? Beh dove sta la novità? Periodicamente è sempre fatto.

Abbiamo da una parte gli annunci, le veline, i filmati “Luce” che ricordano il ventennio e dall’altra provvedimenti da Socialismo reale fatti da persone che si professano liberali e liberisti.

Sembra che ci siano i supereroi Batman e Robin

E’ questa “doppia personalità ” per me il dato emergente di questi 100 giorni. Una continua contraddizione tra il guardare a destra ed il guardare a sinistra, tra il professarsi civici e quasi “grillini” salvo poi cercare l’alleanza dei partiti per cercare di entrare in città Metropolitana, sulla questione migranti una posizione oscillante tra il fare l’occhiolino a chi apprezza gli Sprar salvo poi dire che si utilizzerà una linea dura e guardare alla Lega, tra l’aver votato contro un piano triennale e poi proseguire sulla linea tracciata spacciandola per esclusivamente propria.

Ma cosa ci aspettavamo da una coalizione composita che non è la vecchia coalizione ex Agostiniana poiché ve ne sono solo due esponenti in Giunta e Consiglio uniti a avversari storici dello stesso, da gente che definì le costruzioni di Preli qualificanti e che in campagna ne ha sconfessato la paternità per unirsi ad ambientalisti quali Canepa e Giardini dopo aver per anni tuonato contro di essi ritenendoli responsabili dei ritardi nella vendita della Fara?

Per ora è un gran passo indietro su tutto quanto: emblematica la questione parcheggi Di Capua era Assessore al Bilancio e Segalerba agli affari istituzionali quando la Giunta senza consultare il consiglio costruì la convenzione con Apcoa e ora sembra che ne parlino come due estranei ai fatti, con loro Assessori si parlava di pedonalizzazioni (Piazza dell’Orto, si era pedonalizzata Piazza Mazzini e Piazza Fenice) e ora…. Che sono Sindaci levano la pedonalizzazione in Piazza San Giacomo di Rupinaro per una manciata di parcheggi.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: