Framura, Deiva, Bonassola: vogliono passare all’Asl 4

di Guido Ghersi

Nei giorni scorsi, il Consiglio Comunale di Framura ha dato mandato al sindaco, Andrea Da Passano, “di farsi interprete e capofila, unitamente ai sindaci di Bonassola e Deiva Marina, nei confronti delle istituzioni preposte affinché venga garantita ai pazienti che abitano in questi tre paesi delle “Baie del levante”, ricoverati nelle strutture dell’Asl n°4 “Chiavarese”, la riabilitazione nella stessa Asl”. Ovviamente il sindaco framurese ha girato il quesito all’Assessorato alla Salute della Regione Liguria inviando la seguente lettera: “Abitiamo al confine tra l’Asl n°5 Spezzina e la n°4; al Pronto soccorso, se abbiamo bisogno, andiamo nella città di Lavagna, non certo alla Spezia che è per noi parecchio lontana : se poi qualcuno avesse bisogno della riabilitazione, diventa scomodo giungere fino a Sarzana, anche se è un ottimo centro. Purtroppo l’Asl n°5 non riconosce all’Asl n°4 il pagamento di questa prestazione, ecco perché i residenti della Riviera Spezzina non possono eseguire riabilitazione negli ospedali del Tigullio. Sono dell’idea che sarebbe opportuno creare un’unica Azienda Sanitaria Locale, ma ancora non me la sento di richiedere alla Regione di staccarsi dall’Asl spezzina”.

Il Comune di Framura ha anchel’appoggio degli altri due sindaci, quello di Bonassola, Giorgio Bernardin e il collega di Deiva Marina, Gianluigi Troiano che è d’accordo per un’unica Asl.