Lettere/ “Rapallo piace anche perché è provinciale”

Da Giuseppe Fabbri riceviamo e pubblichiamo

Non sono d’accordo con l’articolo pubblicato il 10 agosto dal titolo “Rapallo: il parco di Villa Tigullio e il palco fuori posto”. Nato a Parma vivo a Milano sono un grande cultore della musica verdiana, mi fa piacere sapere che a Rapallo si pensa alla lirica, compensando il grave delitto dovuto all’interruzione (spero momentanea) dopo trent’anni dell’amato Festival di Varese Ligure.

Ma non è questo il punto. Non sono d’accordo quando scrivete “è proprio indispensabile salire sul palco per ammannire a chi ha pagato un biglietto per assistere allo spettacolo, discorsi che ricordano i teatrini parrocchiali?”. Il bello di Rapallo e di tanti altri paesi, almeno per me turista, è proprio quello di scoprirne gli aspetti più provinciali che fanno parte della sua anima di cui non c’è nulla di cui vergognarsi”.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: