Riomaggiore: elementari a rischio accorpamento

di Guido Ghersi

L’ipotesi di un accorpamento tra classi, nella locale scuola media di Piazza Vignaiolo a Riomaggiore, nelle Cinque Terre, ventilata dal Provveditorato agli Studi della Spezia, sulla scia della carenza di iscrizioni per l’anno scolastico 2017:’18, non piace al sindaco Fabrizia Pecunia, né tanto meno alla direzione del Parco Nazionale che è disposto ad investire denaro, insieme all’Amministrazione Comunale, nell’offerta formativa così da tenere in vita classi separate. Infatti per il prossimo anno scolastico, in 3^ e 4^ elementare sono previsti 12 bambini per classe, in 5^ solo 9 così dicasi per la 1^ media, 7 per la 2^  e 10 per la 3^. Proprio alla Scuola Media scatterebbe la pluriclasse possibile quando il totale degli alunni è inferiore ai 18: se si uniscono 1^ e 2^ media ci sarebbero 16 bimbi in classe, mentre l’unione tra la 2^ e 3^ classe il numero salirebbe a 17. Quindi per scongiurare il pericolo, servirebbero un paio di iscrizioni. Tanto più che il problema sarebbe solo per il prossimo anno scolastico, in quanto per il 2018/’19 sono in arrivo ben 10 alunni.

“Una pluriclasse sarebbe ulteriore deterrente a nuove iscrizioni – ha dichiarato il sindaco – In altri Comuni della provincia spezzina vengono mantenute classi con un numero inferiore di iscritti, per cui sono pronta a promuovere una raccolta di firme”. In questi giorni ci sarà un incontro con il Provveditore agli Studi alla presenza del Sindaco, del dirigente scolastico Roberto Peccinini e il direttore del Parco, Patrizio Scarpellini.