Recco: gli acquerelli per “En plein Air” a villa Dufour (2)

Dall’ufficio stampa del Comune di Recco riceviamo e pubblichiamo

Torna il tradizionale appuntamento di primavera
a Villa Dufour di Mulinetti (Recco) arrivato quest’anno
alla decima edizione!!

E’ infatti dal 2007 che i proprietari della villa, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Recco, si impegnano ad aprire al pubblico il giardino e gli interni ottocenteschi della villa, loro residenza privata, accuratamente restaurata nel suo aspetto originale, preziosa testimonianza delle dimore di villeggiatura della Recco ottocentesca. La villa sarà nell’occasione raggiungibile grazie alla navetta offerta dal Comune di Recco, con partenza dalla piazza del Comune ogni 30 minuti dalle ore 9.30 alle ore 17 con ritorno fino alle ore 17.30.

L’apertura sarà occasione per proporre una nuova edizione della manifestazione “en plein air” a Villa Dufour a cura di Farida Simonetti e Andrea Musso che quest’anno ruoterà intorno al tema “Acquarelli in cartolina”.
Recuperando una comunicazione ormai quasi scomparsa, sostituita dall’invio di selfie e whatsapp, ad ogni partecipante sarà fornita una cartolina “bianca” in cui ciascuno potrà disegnare e dipingere una personale immagine ricordo della giornata oppure potrà scegliere una cartolina con già tracciato da Andrea Musso il disegno della villa e del giardino da colorare secondo la propria fantasia. Il pubblico sarà invitato a farlo con i propri materiali oppure potrà scegliere di seguire l’introduzione alla tecnica dell’acquarello prenotandosi per i laboratori condotti da Andrea Musso, affermato acquarellista, alle h.10.30 e alle h.15 in cui potrà cimentarsi con acquarelli e pennelli forniti dall’organizzazione.

Inoltre, visitando la villa, aperta dalle h10 alle h18, si potranno non solo ammirare gli ambienti, ma anche soffermarsi a scoprire, attraverso l’esposizione di una trentina di cartoline d’epoca originali, fornite da collezionisti privati, la Recco tra gli anni Venti e gli anni Cinquanta del Novecento scoprendone aspetti scomparsi.

Inoltre, in una seconda sala, sarà anche visitabile una piccola esposizione degli acquarelli di Andrea Musso dedicati al Fari e Porti , realizzati “en plein air”, attraverso i quali si potranno apprezzare le singole pennellate e gli effetti grafici così da comprendere meglio, come afferma lo stesso Musso, “la tecnica dell’acquerello nelle sue diverse sfaccettature e tecniche realizzative, come rappresentazione realistica o come interpretazione artistica.”

Andrea Musso architetto genovese, è acquarellista, grafico e illustratore. Dipinge en plein air i suoi viaggi e abitualmente Genova, Monterosso, le Cinque Terre e le Alpi. Ha esposto i suoi lavori in personali e collettive in Italia e all’estero. Ha disegnato servizi naturalistici per la storica rivista Airone. È attivo professionalmente nel campo della grafica editoriale e pubblicitaria. Art director della casa editrice Vita e Pensiero dell’Università Cattolica di Milano e di Marietti 1820. Sue illustrazioni sono apparse su riviste e giornali: Le Monde Dimanche, Epoca, Il Corriere Medico, Il Manifesto, Il Sole 24 Ore, Il Secolo XIX. Ha scritto e illustrato storie per l’infanzia per Einaudi Ragazzi, E.Elle, Emme Edizioni, Editoriale Scienza, Il Battello a Vapore, Piemme. Libri, biblioteche, lettori, città immaginarie popolano le sue opere. Ha disegnato gli eventi dedicati al libro e alla lettura: ”Genova legge” e ”L’altra metà del libro” organizzati da Palazzo Ducale di Genova. Ha disegnato l’immagine di Triestebookfest 2016.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: