Chiavari: Pier Luigi Piombo e i “traditori”

Da Pierluigi Piombo, presidente “Chiavari nel Cuore” riceviamo e pubblichiamo

In riferimento all’articolo pubblicato dal Secolo XIX in data 02 marzo con dichiarazione e ricostruzione delle vicende di Chiavari nel Cuore da parte di Antonino Di Bella (Mister 18 preferenze) in qualità di fondatore e Presidente del Movimento vorrei precisare quanto segue:

Chiavari nel cuore” esiste ancora e come Movimento Civico non escludo che prenda posizione in vista delle prossime elezioni amministrative.

Antonino Di Bella ha fatto una ricostruzione parziale e conseguentemente non veritiera di quello che è successo all’interno del Movimento dopo aver vinto le elezioni amministrative del 2012 con 1186 preferenze ed essere stati determinanti nell’elezione dell’attuale Sindaco Ing. Roberto Levaggi.

Nel momento della mia cacciata da parte di Levaggi attraverso una lettera recapitatami attraverso un messo comunale il Movimento si è diviso: da una parte i “traditori” dall’altra i “coerenti”.

Da una parte il “traditore” Sandro Garibaldi che non vedeva l’ora di prendere il mio posto per la sua sete di potere facendo incetta di incarichi più o meno gravosi. Insieme a lui i “traditori” Nicola Orecchia e Monica Merciari.

Dall’altra parte l’allora Coordinatore del Movimento Gianluca Ratto e il Capogruppo Consiliare Dott. Emilio Cervini che rimasero vicino a me nei momenti difficili senza venire meno al patto stipulato con gli elettori.

Con Cervini l’attività in Consiglio proseguì di comune accordo. Tanti i risultati conseguiti da Chiavari nel Cuore. Tante le prese di posizioni a difesa degli interessi dei cittadini.

Forse Di Bella si è distratto un poco.  D’altronde a me espresse solidarietà dicendo però che sarebbe rimasto filogovernativo. Da quel momento non ci siamo più visti e non ha mai chiesto di restare in Chiavari nel Cuore.

Dopo 4 anni torna a parlare di Chiavari nel Cuore? Mah, resto stupito!

Ne parla, appunto, in maniera parziale e sinceramente fuori tempo massimo.

La partita è finita e lui, a cui piace tanto il calcio, dovrebbe saperlo.