‘Santa’: messi in fuga ladri d’appartamento, recuperata refurtiva

Dall’ufficio stampa dei Carabinieri, Comando Provinciale di Genova, riceviamo e pubblichiamo

I militari della Compagnia Carabinieri di Santa Margherita Ligure durante la scorsa notte hanno portato a termine un servizio coordinato volto alla prevenzione e repressione dei furti in abitazione.

Alle ore 20.00 circa pervenivano alla Centrale Operativa alcune richieste di intervento per via di alcuni antifurti scattati all’interno di abitazioni estive site tra Rapallo e Santa Margherita Ligure.  Nello stesso frangente veniva segnalata nei pressi delle abitazioni un’autovettura sospetta; rilevata la targa la stessa veniva diramata ambito  Compagnia Carabinieri e Comando Provinciale CC Genova.

La stessa risultava oggetto di furto lo scorso aprile 2016 ai danni di una 50 enne savonese.

Dopo alcuni minuti di serrate ricerche, l’auto veniva intercettata dapprima a Rapallo ove i militari dell’arma la mettevano in fuga nei pressi di alcune abitazioni disabitate e successivamente a Pieve Ligure ove i militari della locale Stazione Carabinieri tentavano di fermarla intimandogli l’Alt. I malfattori invece non arrestavano la propria fuga e così la pattuglia si lanciava all’inseguimento. Grazie al coordinamento delle Centrali Operative di Santa Margherita Ligure e Genova diverse pattuglie convergevano nelle zone ove avveniva per così dire la “caccia all’uomo”, e i fuggitivi venivano nuovamente intercettati in corso Europa da una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Genova.  La “gazzella” e la pattuglia della Stazione CC Pieve raggiungevano la Fiat Punto bianca sino al casello autostradale di Genova – Nervi ove, uno dei militari,  tentava nuovamente di bloccarla ma sfortunatamente in quel momento la sbarra del varco telepass si apriva e i malfattori riprendevano la fuga. Tenacemente le pattuglie dell’Arma tallonavano i fuggiaschi costringendoli a nascondersi in una piazzola di sosta, ma senza riuscirvi.

I ladri venivano quindi costretti ad abbandonare l’autovettura e a sparpagliarsi tra la vegetazione.

All’interno dell’autovettura i militari dell’Arma rivenivano refurtiva e arnesi da scasso.

L’autovettura e tutto il suo contenuto saranno sottoposti ai rilievi tecnici a cura della SIS del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo.

Le indagini ora si concentreranno al fine di identificare i ladri, ma soprattutto riconsegnare la refurtiva alle vittime che probabilmente sono ancora ignare del danno patito in quanto le abitazioni colpite sono per lo più seconde case o abitazioni estive.

 

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: