Bolkestein: il ministro Costa e i balneari; contestazioni

Dall’ufficio stampa del Consiglio regionale riceviamo e pubblichiamo. Parte dei presenti alla fine ha contestato il ministro per il fatto che il governo non ha ancora legiferato coniugando la Bolkestein con le richieste degli operatori italiani

Oggi pomeriggio il ministro per gli affari regionali, Enrico Costa, all’undicesimo piano del palazzo del Consiglio regionale, ha incontrato i balneari liguri, i rappresentanti di categoria e i sindaci delle località costiere. Durante l’incontro, organizzato da Gruppo Misto- Liguria Popolare, si è parlato in particolare del disegno di legge di delega al governo per il riordino  della normativa relativa  alle concessioni demaniali marittime, lacuali  e fluviali.

«Al di là delle legittime posizioni di ognuno, ritengo sia stato pienamente raggiunto l’intento di questo incontro che era quello di approfondire, attraverso la diretta spiegazione del ministro, i contenuti del disegno di legge che peraltro è una cornice nella quale  potranno essere inseriti i decreti delegati  che attueranno la riforma. E’ stato quindi possibile un confronto diretto e uno scambio di opinioni.  – ha commentato il capogruppo di Liguria Popolare, Andrea Costa – Sono soddisfatto dell’iniziativa che ha visto la presenza non solo dei balneari e dei loro rappresentanti di categoria, ma anche di molti sindaci delle località costiere».

Il ministro Enrico Costa, nel rimarcare che sta tenendo incontri come quello odierno in varie parti d’Italia, ha sottolineato quanto sia importante «il confronto con tutti coloro che hanno da offrire un patrimonio di idee». Ha puntualizzato: «Non mi sono mai sottratto al dibattito: ritengo si possa arrivare ad una buona legge». Il  ministro Costa, inoltre, ha aggiunto che, per quanto riguarda il riconoscimento  del valore commerciale e  la tutela degli investimenti effettuati dalle imprese balneari, a suo avviso anche  a livello di Unione Europea,  «ci sono gli spazi per l’affermazione di questi principi, non per favorire qualcuno, ma per il riconoscimento di sforzi e sacrifici fatti».

E’ intervenuto, a nome della giunta, l’assessore regionale al demanio Marco Scajola. Erano presenti numerosi consiglieri regionali.

 

 

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: