Chiavari: nuovo bando per “morosità incolpevole”

Dall’ufficio stampa del Comune di Chiavari riceviamo e pubblichiamo

Anche quest’anno il Comune di Chiavari ha indetto un nuovo bando per la “morosità incolpevole”.

Così dichiara l’Assessore ai Servizi Sociali ed alle Politiche per la casa, Avv. Nicola Orecchia: “In un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo, come Amministrazione Comunale cerchiamo di stare al fianco delle famiglie più bisognose, affinché nessuno venga lasciato solo. Il problema della casa è cruciale per la vita di ogni cittadino e rappresenta una priorità assoluta nelle nostre azioni. Ci rendiamo conto che questa iniziativa non possa risolvere i problemi economici, in alcuni casi veri e propri drammi familiari, che la perdita improvvisa del lavoro o l’insorgenza di una malattia, possono provocare all’interno di un nucleo familiare, ma rappresenta uno strumento concreto per rispondere ai bisogni delle persone in difficoltà che va ad aggiungersi alle misure già adottate dal Comune, come il contributo per le persone bisognose, per alleviare il peso della crisi economica ed occupazionale che colpisce il nostro Comune, così come tutto il Paese. In base ai nuovi criteri e priorità stabiliti dalla Regione Liguria per erogare questo contributo, contiamo di aiutare più persone rispetto agli anni scorsi”.

Per “morosità incolpevole” s’intende la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone di locazione a causa della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare.

Ad esempio, quando ricorrano le seguenti condizioni: perdita del lavoro per licenziamento, accordi aziendali o sindacali con consistente riduzione dell’orario di lavoro; cassa integrazione ordinaria o straordinaria che limiti notevolmente la capacità reddituale, mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici, cessazioni di attività libero-professionali o di imprese registrate, derivanti da cause di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente, malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato o la consistente riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo o la necessità dell’impiego di parte notevole del reddito per fronteggiare rilevanti spese mediche e assistenziali.

Inoltre, i beneficiari dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti:

– abbia un reddito Ise non superiore ad euro 35.000 o un reddito derivante da regolare attività lavorativa con un valore Isee non superiore ad euro 26.000;

– sia destinatario di un atto di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida;

– sia titolare di un contratto di abitazione regolarmente registrato (sono esclusi gli immobili appartenenti alle categorie catastali Al, A8 e A9) e risieda nell’alloggio da cui è sfrattato da almeno un anno;

– abbia residenza nel Comune di Chiavari, cittadinanza italiana o di un Paese dell’Ue o possieda un regolare titolo di soggiorno;

– non sia titolare di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella provincia di residenza di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare.

Alla domanda dovranno essere allegati i seguenti documenti:

– copia della carta di soggiorno o permesso di soggiorno per i cittadini di uno Stato non aderente all’Unione Europea;

– copia del contratto di locazione, relativo all’alloggio oggetto del procedimento esecutivo, debitamente registrato;

– atto di intimazione di sfratto o convalida dello sfratto da parte del Tribunale competente;

– documentazione attestante la condizione di morosità incolpevole;

– copia di un documento di identità in corso di validità del richiedente;

– dichiarazione di rinuncia all’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile da parte del locatore o del suo legale rappresentante;

– dichiarazione di consenso di differimento dell’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile per il tempo necessario a trovare un’adeguata soluzione abitativa all’inquilino moroso da parte del locatore o del suo legale rappresentante ovvero dichiarazione del locatore alla stipula di un nuovo contratto di locazione.

La domanda di partecipazione al presente bando può essere presentata a partire dal 15 dicembre 2016 e fino ad esaurimento dei fondi disponibili, compilata unicamente sui moduli predisposti dal Comune di Chiavari, corredata della documentazione richiesta e presentata con le seguenti modalità:
•all’Ufficio Protocollo del Comune;
•a mezzo raccomandata A.R.

Le risorse disponibili ammontano ad € 125.241,58.

I moduli possono essere reperiti presso l’Ufficio casa sito in Piazzale San Francesco 1 nei giorni di lunedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle ore 9 alle ore 12 o sul sito internet del Comune di Chiavari.

Il contributo verrà erogato secondo i seguenti criteri:

– sanare la morosità incolpevole accertata dal comune se il periodo residuo del contratto in essere non sia inferiore ad anni due, con contestuale rinuncia all’esecuzione dello sfratto da parte del proprietario (8 mila euro al massimo);

– rendere al proprietario i canoni corrispondenti alle mensilità di «differimento» qualora il proprietario consenta il differimento dell’esecuzione dello sfratto per il tempo necessario a trovare un’adeguata soluzione abitativa all’inquilino (6 mila euro al massimo);

– assicurare il versamento di un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione;

– assicurare il versamento di un numero dei canoni di un nuovo contratto a canone concordato (al massimo 12 mila euro).