Camogli ricorda il naufragio dell'”Astrea”

Testo e foto di Consuelo Pallavicini

Al Museo Marinaro “Gio Bono Ferrari” di Camogli è in corso un incontro per ricordare il naufragio del brigantino a palo “Astrea”, accaduto durante la “Grande Guerra” nel dicembre di cento anni fa davanti a Castel Dragone, a causa di una forte tempesta di libeccio. I camogliesi si mobilitarono per dare aiuto riuscendo così a salvare sei uomini dell’equipaggio.

A fare gli onori di casa, al Museo Marinaro, il direttore Bruno Sacella, ideatore dell’iniziativa. Presente, per l’amministrazione comunale, l’assessore Oreste Bozzo che ha sottolineato il grande spirito marinaro di Camogli, dimostrato anche in un’occasione tragica come quella del naufragio dell'”Astrea”. E per ricordare l’evento è stato apposto un pannello in italiano, inglese e francese che sicuramente attirerà l’interesse dei visitatori.

All’incontro partecipano anche gli studenti della IVª Cna dell’Istituto Nautico “C. Colombo”. A due allievi il compito di leggere la Preghiera del marinaio.

Bruno Sacella, Oreste Bozzo