Recco: due soli verbaIi elevati sulle spiagge cittadine

Contrariamente al passato, quest’anno la Capitaneria di Porto ha effettuato frequenti controlli anche lungo il litorale di Recco per verificare presso i concessionari di stabilimenti balneari, spiagge libere attrezzate, società sportive e aree di rimessaggio la regolare gestione, licenze, attrezzature, rispetto delle regole, eventuali occupazioni abusive. Le ispezioni effettuate dalla guardia costiera non sono passate inosservate e, come spesso accade, si è vociferato di presunte situazioni irregolari.

Recco, per quanto riguarda la Capitaneria di Porto, dipende da Locamare di Camogli il cui comandante Marcello Mastore spiega: “Effettivamente abbiamo deciso di compiere regolari controlli a cominciare da giugno; chiarendo ad esempio, in base ad una ordinanza del Comune di Recco, il comportamento dei concessionari di una spiaggia libera attrezzata. Questi non possono occupare con i lettini più di metà del litorale in concessione, ma devono disporli solo in presenza del cliente. Ciò ha causato probabilmente qualche incomprensione. Se un bagnante che non richiede il lettino si sistema nella mezza spiaggia utile, può infatti essere invitato a trasferirsi nell’altra nel caso i clienti siano tanti da occupare coi lettini la metà disponibile a questo scopo. Per non far spostare il bagnante magari dopo un’ora, si può invitarlo subito ad occupare l’altra mezza spiaggia. Comunque a Recco, fino ad oggi, abbiamo elevato due soli verbali a luglio, per l’assenza dei bagnini dalle loro postazioni. Null’altro”.