Sestri: “Catalogna bombardata”: la guerra, di ieri e di oggi

Ieri come oggi: la guerra, le bombe, i profughi, le vittime civili. Inaugurata a Sestri Levante (Sala Riccio del Palazzo Comunale, fino al 26 marzo) la mostra “Catalogna Bombardata”, immagini e testimonianze a 80 anni dalla Guerra Civile Spagnola (1936-1939) raccolte in una mostra itinerante – in doppia lingua, in italiano e in catalano – che dopo il grande successo in terra spagnola, e appunto in Catalogna, viene riproposta in Italia. Sarà allestita in una ventina di città italiane, per tutto il 2016.

La mostra

La mostra

L’allestimento di Sestri Levante si compone di 26 pannelli, 16 prodotti dal Memorial Democratic di Barcellona e 10 dal Centro Filippo Buonarroti di Milano. Al taglio del nastro hanno partecipato il sindaco Valentina Ghio, Ornella Visca di Anpi, Doriano Maglione del Centro Filippo Buonarroti, Domenico Saguato del Centro Logos di Genova. I temi: resistenza e antifascismo, l’attualità dei bombardamenti sulle città e sui civili – “Aleppo oggi come Barcellona ieri” – la Guerra di Spagna e i suoi volontari, arrivati da tutto il mondo. Uno spunto locale: verranno riproposte visite ai luoghi di tortura nazisti, su tutti la Casa dello Studente di Genova, riaperta 40 anni fa da un gruppo di giovani internazionalisti.

Catalogna Bombardata 01

Le coordinate della mostra: “Catalogna Bombardata” a Sestri Levante, Sala Riccio del Palazzo Comunale dal 19 al 26 marzo 2016. Aperta dalle 9 alle 12 e dalle 15.30 alle 18.30. Spin off della mostra l’appuntamento di sabato 26 marzo, alle ore 17 nella Sala Riccio: la professoressa Francesca Pensa racconterà di Giandante X, “artista e combattente per la libertà”.

Catalogna Bombardata 02