‘Santa’: consegnato al politologo Sartori il premio Isaiah Berlin

Dal Centro Internazionale di Studi Italiani riceviamo e pubblichiamo

Questa mattina nel Salone d’Onore di Villa Durazzo a Santa Margherita Ligure, nell’ambito del 55° Corso Internazionale di Studi Italiani, è stato assegnato al politologo Giovanni Sartori, professore emerito dell’Università di Firenze e anche della Columbia University di New York, il premio dedicato alla figura del professor Isaiah Berlin.

In passato questo riconoscimento per altissimi meriti culturali è stato assegnato ad Alda, Lidia e Silvia Croce (2002), all’economista Amartya Zen (2003), allo scrittore e autore Moni Ovadia (2004), allo storico Giuseppe Galasso (2005), al sociologo e filosofo Lord Ralph Daharendorf (2006), alla storica Benedetta Craveri (2007), allo scrittore Mario Vargas Llosa (2008), al giornalista Piero Ostellino (2009), al regista Pupi Avati (2010), al filosofo Evandro Agazzi (2011), e, lo scorso anno, allo scrittore Claudio Magris.

Giovanni Sartori, Roberto Sinigaglia

Giovanni Sartori, Roberto Sinigaglia

Giovanni Sartori nasce a Firenze nel 1924. Consegue la laurea in Scienze Politiche presso l’Università di Firenze nel 1946. Negli anni successivi diviene professore di Storia della Filosofia Moderna, poi di Sociologia e di Scienza della Politica . Ha anche insegnato alle Università statunitensi di Stanford, Yale e Harvard. E’ Professore Emerito dell’Università di Firenze e della Columbia University di New York dove è Albert Schweizer Professor in the Humanities. Nel 1971 fonda la “Rivista italiana di scienza politica”.

Diverse e numerose sono le lauree Honoris Causa che Giovanni Sartori ha ricevuto durante la sua carriera, prima fra tante quella rilasciata dall’Università di Genova nel 1992, seguita dall’Università Georgetown di Washington Dc (Usa) nel 1994, dall’Università di Guadalajara (Messico) nel 1997, dall’Università di Buenos Aires (Argentina) nel 1998, dall’Università Complutense di Madrid (Spagna) nel 2001, dall’Università di Bucarest (Romania) nel 2001, dall’Università di Urbino, e dall’Unam di Città del Messico nel 2007. Tra i vari riconoscimenti ricevuti vi sono la nomina a Comendador della Ordem do Cruzeiro do Sul dal presidente della Repubblica Federale del Brasile nel 1999, il Premio Principe delle Asturie per le scienze sociali nel 2005, la Medaglia d’Oro italiana per meriti culturali ed educativi, la Medaglia d’Oro italiana della Pubblica Istruzione assegnata ai benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte. A livello accademico ha contribuito in modo importante con la sua teoria dei sistemi partitici, la teoria della democrazia e la metodologia delle scienze sociali. Membro della American Academy of Arts and Sciences, editorialista del “Corriere della Sera”, Giovanni Sartori è considerato uno dei massimi esperti di politologia a livello internazionale, e uno dei principali autori nel campo della teoria della democrazia, dei sistemi di partito e dell’ingegneria costituzionale nel mondo accademico internazionale. Ha pubblicato più di trenta libri, alcuni dei quali tradotti in una quarantina di paesi. Tra le pubblicazioni di Giovanni Sartori ricordiamo: Democrazia e definizioni (1957),Parties and Party Systems (1976), The Theory of Democracy Revisited (1987), Seconda Repubblica? Sì, ma bene (1992), Democrazia: cosa è (1993), Ingegneria Costituzionale Comparata (1995), Come sbagliare le riforme (1995), Homo videns. Televisione e post-pensiero (1997), La Terra scoppia. Sovrappopolazione e sviluppo (2004), Mala tempora (2004), Mala costituzione e altri malanni (2006), La democrazia in trenta lezioni (2008), Il sultanato (2009),Il paese degli struzzi. Clima, Ambiente, Sovrappopolazione (2011), Logica, Metodo e Linguaggio nelle Scienze Sociali (2011).

Sir Isaiah Berlin. Filosofo ed economista, nacque a Riga nel 1909, e si trasferì con la famiglia a San Pietroburgo, dove fu testimone della Rivoluzione bolscevica. Emigrato in Inghilterra, vi portò a compimento i suoi studi, diventando professore di Teoria Sociale e Politica a Oxford e presidente della British Academy. E’ stato autore di numerosi scritti, tra i quali Quattro saggi sulla libertà (1969), che ne fanno uno dei massimi esponenti, assieme a Raymond Aron, a Friedrich Hayek e a Bruno Leoni, del pensiero liberale del ‘900. Frequentatore della baia di Paraggi nel periodo estivo. Nel 1997 ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Santa Margherita.Ligure.

 

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: