Sori: domani concerto del soprano Celestina Casapietra

Riceviamo e pubblichiamo

Domani a Sori, alle 21.00 presso l’Oratorio di Sant’ Erasmo (ingresso libero), concerto sponsorizzato dal soprano di fama internazionale Celestina Casapietra a favore della Croce Rossa di Sori,Domani a Sori  che avrà luogo domani sera

Celestina Casapietra ha solo pochi anni quando il papà, tenendola in braccio, le fa ascoltare alla radio il Festival di Bayreuth. Presagio di un destino che si compie. Da ragazzina studia pianoforte ma un incidente alla mano le impedisce di continuare, così prova a cantare. Entra al Paganini, nella classe di Gina Cigna, ma intanto fa esperienza nel coro del Carlo Felice e in piccole parti di fianco. L’ incontro con Angelo Costaguta e con Mario Vasquez Tacunio si rivela decisivo: «Sono stati loro i miei due grandi maestri, definitivamente. Quando feci la prima lezione con Tacunio e gli cantai la grande aria di Traviata lui chiuse lo spartito, e mi disse “Bene signorina, lei vuole fare la cantante lirica o la canzonettista?”. Quelle parole bruciarono: soffrii, piansi, ma saggi consigli e rientrare in me stessa mi fecero comprendere che avevo sbagliato tutto. Ero presuntuosa, credevo di essere “arrivata” e invece non ero nulla». Anni di studio, poi il direttore Omar Suitner che la ascolta in Parsifal al Carlo Felice e le propone una audizione in Austria, quindi in Germania e a Berlino, dove si trasferisce. È il trampolino di lancio per una carriera europea e internazionale trentennale: Mozart, Wagner e Strauss i cavalli di battaglia, seguiti da Puccini, Verdi, Alfano, Leoncavallo, Zandonai ed altri. Vasto repertorio.

Da quattordici anni, Celestina Casapietra ha ritrovato la gioia delle sue radici, stabilendosi per alcuni mesi a Sori, dove ha stretto amicizia con Mario Accornero e i signori Pezzana, confratelli e Priori dello splendido Oratorio di Sant’Erasmo, a picco sul mare. Qui, la Casapietra ritrova la voglia, mai persa, di fare ancora musica, ma non solo per sé stessa: «Amo Sori, dove trascorro quasi tutte le mie estati. E l’Oratorio di Sant’Erasmo, a picco sul mare, così bello. Qui mi viene voglia di fare musica, e cerco di offrire uno spazio ai cantanti, soprattutto giovani, che riesco a conoscere. Organizzo concerti di beneficenza, senza alcuno scopo di lucro. Le prove si trasformano spesso naturalmente in una sorta di masterclass, dove ci tratteniamo a parlare di musica, canto e tecnica senza accorgerci nemmeno del tempo che passa. Non chiedo loro nulla, cerco solo di consigliarli con rispetto e di offrirgli la mia esperienza di quarant’anni di palcoscenico ». Tiene a precisare: «La situazione italiana mi fa tremare: poco spazio per la vera cultura, per la formazione dei giovani artisti, soprattutto scarsa rilevanza di queste problematiche da parte dei mezzi d’informazione. Cosa sarà di questi nostri giovani talenti se nessuno dice loro queste cose? Se non vengono messi in guardia da un meccanismo che li può distruggere? Il mio tentativo è una goccia nel mare, ma io ci credo lo stesso e, finché mi sarà possibile, lo porterò avanti».

Il prossimo concerto lirico, a favore della Croce Rossa, avrà luogo martedì 20 agosto presso l’Oratorio di Sant’Erasmo alle ore 21, con le voci di Celestina Casapietra, Sara Cappellini Maggiore, Sandra Terrile, Alessandro Fantoni, Daniele Buttafava, Andrea Lanzola e il pianoforte di Enrico Montobbio. [Andrea Lanzola]