Recco: venerdì il funerale di Pino Badalini (2)

Originario di Badia Polesine, dove era nato nel maggio 1934, Giuseppe Badalini era una persona molto conosciuta a Recco. Lo si vedeva sempre per strada mano nella mano con la moglie Maria Grazia, alla quale era legatissimo, così come ai figli Angela e Paolo. Particolare il suo legame affettivo con la nipote Tatiana. Come la moglie, Badalini era attivo nel mondo del volontariato, in modo particolare nel Quartiere Ponte e in Croce Verde. Nel quartiere era lo specialista della paella, che preparò in moltissime edizioni della feste dell’8 settembre. Dello stesso quartiere fu presidente e poi presidente onorario. In Croce Verde fu Milite per molti anni, sempre disponibile e svolgere i servizi, senza mai tirarsi indietro, fino a diventare Milite benemerito per servizio. La sua vita lavorativa è sempre stata nelle Ferrovie, fino a ricoprire la carica di capostazione, anche a Recco. Durante l’alluvione a Genova dell’ottobre 1970 Badalini si distinse per un gesto eroico: aiutato da altri soccorritori, si calò più volte legato a una fune nella acque limacciose che scorrevano in via Tolemaide, riuscendo ad estrarre molti dei passeggeri da un bus semisommerso dal fango. Il suo coraggio gli valse il conferimento della medaglia al merito civile. Era infine di grande compagnia: alle feste della Croce Verde prendeva volentieri il microfono in mano e cantava assieme ai Militi più giovani. Il funerale si tiene venerdì 27 alle 14:30 nella chiesa parrocchiale di S. Giovanni. Il Rosario nella stessa chiesa giovedì alle 17. La salma sarà tumulata nella cappella di famiglia nel cimitero di Testana.