Colpito da un pugno, muore a un mese di distanza

Lo scorso 7 ottobre a Bargagli era scoppiata una lite tra tal Giovanni Carbone di 46 anni e il ristoratore Sergio Schiezzari; motivo del diverbio una bolletta della luce di un box. Dalle parole si era passati ai fatti e Carbone, colpito da un pugno era caduto a terra battendo la testa e finendo in coma; fu ricoverato all’ospedale San Martino. Giorni fa il trasferimento di Carbone al centro di riabilitazione don Gnocchi della Spezia. Ieri però l’aggravamento e il decesso. Le indagini successive all’accaduto erano state affidate alla compagnia carabinieri di Chiavari. Sergio Schirerazzi era indagato dalla Procura per lesioni; ora, se verrà dimostrato che il decesso è avvenuto a seguito di quel pugno, l’accusa potrebbe diventare di omicidio preterintenzionale.